Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:53 METEO:GREVE IN CHIANTI12°  QuiNews.net
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibra in ritardo arriva grazie a un passaggio in moto in autostrada: il video

Attualità lunedì 18 gennaio 2021 ore 20:06

Il Club Alpino traccia nuovi sentieri nel Chianti

Dal percorso del Principe ai boschi di Montepaldi all’itinerario fluviale lungo la Pesa sono i luoghi al centro della nuova rete sentieristica



SAN CASCIANO IN VAL DI PESA — Un nuovo progetto di segnatura e manutenzione della rete sentieristica di San Casciano è al centro di un accordo siglato con Il Club Alpino Italiano, sezione di Firenze. La rete sentieristica si estende complessivamente su un’area di 90 chilometri e lambisce alcune delle zone di maggior pregio come Sant'Andrea in Percussina, San Pancrazio, Spedaletto e Santa Cristina in Salivolpe.

I luoghi che hanno ispirato la stesura de Il Principe, capolavoro di Niccolò Machiavelli, i boschi di Montepaldi e le aree di campagna di straordinario pregio naturalistico che riflettono le qualità del paesaggio fluviale, lungo le acque della Pesa fanno parte dei percorsi nel cuore del Chianti.

“Con i nuovi percorsi escursionistici di San Casciano - ha detto il sindaco Roberto Ciappi - intendiamo esplorare nuove angolazioni del territorio e valorizzare strade, luoghi e paesaggi tra i più belli del mondo come il percorso del Principe che da San Casciano conduce ad uno dei luoghi di maggiore interesse storico-architettonico su scala internazionale, l’antico borgo di Sant’Andrea in Percussina, dove ha vissuto in esilio Niccolò Machiavelli”.

Altro percorso è quello di Montepaldi che giunge nelle terre del Rinascimento e attraversa uno dei borghi più affascinanti della Toscana. Tra i boschi di Montepaldi spicca una ragnaia di particolare bellezza, elemento tipico dei giardini storici italiani. Nella rete anche l’itinerario ciclopedonale della Pesa che da Montelupo giunge a Sambuca, passando per Cerbaia e Fabbrica e la variante 2 della via Romea del Chianti, il percorso del fieno e quello di Terzona.

“Altre due vie da esplorare - ha detto Giuseppe Ciabatti, presidente del Club Alpino Italiano sezione di Firenze - interessano la via Romea del Chianti, il primo passando per San Casciano, Calzaiolo e Montefiridolfi, il secondo nel tratto di collegamento tra la variante 1 e la variante 2 della via Romea del Chianti”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca