Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:53 METEO:GREVE IN CHIANTI12°  QuiNews.net
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
venerdì 05 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo, Ibra in ritardo arriva grazie a un passaggio in moto in autostrada: il video

Attualità venerdì 22 gennaio 2021 ore 12:18

Il Chianti presenta online la Carta antifascista

Comuni, forze sindacali e Anpi ​presentano virtualmente l'atto che contiene impegni e azioni comuni contro la discriminazione e la dimensione fascista



BAGNO A RIPOLI — I comuni di area fiorentina Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti, Impruneta e San Casciano Val di Pesa, le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil del Chianti e le sezioni Anpi di Bagno a Ripoli, Barberino Tavarnelle, Impruneta, Mercatale, che oltre un anno fa hanno firmato la Carta antifascista e per la prima volta presenteranno pubblicamente il documento in forma virtuale venerdì 22 Gennaio alle ore 21 con una diretta sulla piattaforma GoToMeeting, visibile anche dalle pagine e dai profili Facebook dei Comuni e dei soggetti promotori.

Uno dei punti più rilevanti che accomuna la volontà istituzionale è il non concedere l’utilizzo di spazi pubblici ai soggetti che organizzano iniziative che richiamano la storia fascista. Le amministrazioni comunali hanno assunto l’impegno e richiedono ai prefetti di agire in modo analogo.

All’iniziativa interverranno le organizzazioni sindacali, delegati dai luoghi di lavoro, l’Anpi, le altre associazioni democratiche e i Sindaci dei Comuni interessati. La presentazione, che alternerà parole, immagini e video, prevede i contributi di Massimo Salvianti, attore della compagnia Arca Azzurra Teatro, Sandra Bonsanti, presidente emerita Libertà e Giustizia e del magistrato Beniamino Deidda.

La carta si pone l’obiettivo di contrastare la discriminazione contemplata in tutte le sue forme, sociale, economica, legata all’etnia e al genere, e ad attuare forme di mobilitazione contro la violenza sulle donne, le molestie e le violenze in ambito lavorativo. Il documento impegna i soggetti firmatari alla realizzazione di una serie di azioni concrete e non solo simboliche, istituzionali e sindacali, tese ad affermare i valori della pace, dell’uguaglianza e dell’inclusione sociale.

La carta è stata sottoscritta dai sindaci Paolo Sottani (Greve in Chianti), Roberto Ciappi(San Casciano in Val di Pesa), David Baroncelli (Barberino Tavarnelle), Francesco Casini (Bagno a Ripoli), Alessio Calamandrei (Impruneta), Laura Scalia, coordinatrice CGIL del Chianti, Giovanni Ronchi CISL Fi e PO, Leonardo Mugnaini Coordinamento UIL Firenze, e i rappresentanti delle sezioni Anpi Gigi Remaschi per Bagno a Ripoli, Silvana Nutini per Mercatale, Adelmo Franceschini per Barberino Tavarnelle, Chiara Senatori per Impruneta.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Cronaca