Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:30 METEO:GREVE IN CHIANTI22°37°  QuiNews.net
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
mercoledì 24 luglio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La balena salta fuori dall'acqua e atterra su una barca ribaltandola: la scena ripresa in un video
La balena salta fuori dall'acqua e atterra su una barca ribaltandola: la scena ripresa in un video

Attualità venerdì 21 giugno 2024 ore 14:00

Danni da predazione, ecco il portale per le richieste

Si è aperto oggi il portale regionale dedicato alle aziende zootecniche. Ecco come e quando inoltrare le domanda di rimborso



TOSCANA — Si è aperto oggi il portale regionale dedicato alle aziende zootecniche per fare domanda di rimborso alla Regione per i capi uccisi da predatori selvatici appartenenti a specie protette. 

L'ente ha messo a disposizione della misura  500.000 euro, destinata a coprire il periodo novembre 2023 - ottobre 2024. I rimborsi, spiega la Regione Toscana, sono rivolti alle  piccole, medie e micro imprese che svolgono attività di allevamento a fini economici - compresi anche gli imprenditori agricoli professionali con allevamento zootecnico ovino, caprino, bovino, bufalino, suino, equino e asinino che operano sul territorio toscano e che abbiano attivato almeno una forma di tutela dei capi allevati tra recinzioni antipredazione, strutture di ricovero o cani da guardia.

Nella valutazione del danno saranno conteggiati al 100% sia i costi per gli animali uccisi dai lupi calcolati in base al valore di mercato dell'animale allevato, sia le spese veterinarie necessarie in caso di animali feriti. Il danno da predazione sarà valutato dal veterinario dell'Asl territorialmente competente, che verificherà se la morte dell’animale sia dovuta effettivamente all’attacco di un lupo.

Le domande dovranno essere presentate tramite il sistema informativo di Artea.

I danni avvenuti nel periodo compreso tra il 1 novembre 2023 e il 14 luglio dovranno essere presentate entro il 16 settembre 2024, mentre quelli che avverranno nel periodo compreso tra il 15 luglio ed il 31 ottobre 2024 dovranno essere documentati entro i 60 giorni successivi all’evento predatorio . Le domande presentate regolarmente saranno gestite entro 60 giorni dal ricevimento.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno