Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:25 METEO:GREVE IN CHIANTI12°  QuiNews.net
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
martedì 31 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, lo spettacolo sulla Shoah interrotto da un professore negazionista

Attualità giovedì 25 luglio 2019 ore 16:30

Caldo, i consigli del pediatra

Neonati e bambini fino ai 4 anni sono più a rischio. I comportamenti da tenere per salvaguardare il benessere e tutelare la salute dei più piccoli



BAGNO A RIPOLI — "I sintomi della spossatezza del caldo e non solo quelli più eclatanti del colpo di calore, si possono manifestare dopo alcuni giorni di esposizione al caldo, soprattutto quando non si ha un’adeguata introduzione di liquidi". L'usl Toscana Centro ricorda che "La salute dei bambini è da proteggere in maniera particolare quando le temperature sono estremamente elevate, in quanto i più piccoli non sanno procurarsi liquidi a sufficienza" e che "I più sensibili agli effetti delle alte temperature sono i neonati e i bambini fino a 4 anni di età non autosufficienti nella gestione dell’ambiente che li circonda".

Ecco i consigli del pediatra Rino Agostiniani, direttore dell’area pediatrica e di neonatologia di Prato, Empoli, Firenze e Pistoia, per  per salvaguardare il benessere e tutelare la salute dei più piccoli nei periodi più caldi dell'anno.

“I bambini non possono essere costretti tutto il giorno a casa,  - spiega il pediatra- neanche durante le giornate più calde. L’invito è a uscire nelle prime ore del mattino e la sera e se possibile a farli giocare in luoghi con molta vegetazione dove le temperature sono più sopportabili e i valori dell’ozono più bassi”.

In casa il pediatra consiglia di lasciarli il più possibile svestiti e di usare abiti leggeri, chiari e larghi quando si esce. “L’abbondante sudorazione è una caratteristica fisiologica dei bambini. Di fronte a un bambino sano, che gioca, corre e salta normalmente – precisa Agostiniani - la comparsa di eccessiva sudorazione non deve essere di per sé elemento di preoccupazione. In presenza di eruzione o lieve irritazione nelle zone più esposte al sudore, basterà cambiare e lavare più frequentemente il bambino”.

In spiaggia o in piscina copricapo e crema solare e durante la giornata, cibi freschi e leggeri. Ricordarsi di sollecitare i bambini a bere un bicchiere ogni ora, anche se non hanno sete ed evitare repentini e violenti sbalzi di temperatura soprattutto se il bambino è accaldato e sudato. Nel caso di condizioni ambientali particolarmente sfavorevoli, controllare la temperatura dei lattanti e dei bambini piccoli e se necessario rinfrescare delicatamente con una doccia tiepida o con dei panni umidi. “Per il resto – conclude il pediatra – ricordarsi di rimanere il più possibile al fresco e usare il buon senso”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La chiusura riguarda la Autostrada A1 Milano-Napoli dove per una notte chiude la stazione di Firenze Impruneta per verifiche alle opere d'arte
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità