comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GREVE IN CHIANTI
Oggi 18°26° 
Domani 18°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
domenica 20 settembre 2020
corriere tv
Presidente di seggio positiva a Potenza, scuola sotto sanificazione

Attualità giovedì 08 dicembre 2016 ore 16:50

A Montefioralle il primo B&B solidale

Nasce il primo B&B gestito da volontari per aiutare il sud del mondo. La torre di origine medievale, ristrutturata, torna a essere abitata dopo secoli



GREVE IN CHIANTI — Nuove opportunità turistiche a Montefioralle che rilancia con la possibilità di soggiornare per la prima volta nell’antica torre del castello e aiutare il sud del mondo. Un modo diverso di riscoprire e vivere l’esperienza Medioevo per giovani, viandanti, famiglie e chiunque si metta in viaggio alla ricerca di un Chianti insolito.

Nel borgo grevigiano nasce il primo B&B solidale, gestito esclusivamente da operatori turistici volontari. Il progetto, realizzato grazie al finanziamento dell'Ente Cassa di Risparmio per un importo pari a 100mila euro, è promosso dalla Parrocchia di Santo Stefano in collaborazione con il Comune di Greve in Chianti e ha previsto la ristrutturazione dell'antica torre e l'appartamento attiguo, situato tra la chiesa e la canonica, entrambi destinati a tradursi in strutture ricettive e spazi di accoglienza. A realizzare i lavori, al momento in corso, sono alcuni volontari dell'associazione Mato Grosso di Brescia.

L’intervento è finalizzato alla realizzazione di una ventina di posti letto, distribuiti su 8 camere, di cui 6 per il B&B e 2 destinate a piccolo ostello.

“Dalla torre alta dieci metri, che è la parte più alta di Montefioralle – commenta il sindaco Paolo Sottani – con l'orizzonte che si allunga e investe alcuni dei paesaggi più tipici della Toscana, Le Fornaci, San Cresci, Montegonzi fino ai Monti San Michele, tetto del Chianti, il nostro territorio si arricchisce di un motivo in più per attrarre i visitatori e invitarli a sostare tra le nostre colline”.

L’intervento promosso dalla giunta è legato al percorso di recupero e valorizzazione del borgo per un investimento complessivo che si aggira intorno ai 400mila euro. Finanziato anche in questo caso grazie al contributo dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, l’opera si propone di riqualificare vari aspetti del castello a partire dalle sue mura.

Gli spazi ristrutturati del B&B permetteranno alla comunità di usufruire di ambienti comuni e multifunzionali, tra cui una cucina, una sala da pranzo, l'area esterna, per attività sociali. Intanto si cercano volontari interessati a gestire il B&B che avranno a disposizione un ulteriore miniappartamento accanto alla chiesa. Il B & B aprirà nel corso dell'estate 2017.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità