QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GREVE IN CHIANTI
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
venerdì 24 novembre 2017

Attualità sabato 30 luglio 2016 ore 19:01

Ti fermi con le lucciole? E io ti multo!

Tre sindaci della zona varano un'ordinanza per colpire gli automobilisti sorpresi a contrattare le prestazioni con le "passeggiatrici"​

CHIANTI — Dura vita per i clienti delle lucciole sulla strade del Chianti: per scoraggiare un fenomeno in aumento nella zona i sindaci di Greve in Chianti, Impruneta e San Casciano Val di Pesa hanno deciso che chi sarà sorpreso anche solo a parlare per strada con una prostituta verrà multato di 200 euro. L'ordinanza prevede anche un programma di controlli serrati e interventi di bonifiche delle aree interessate.

Le misure anti-prostituzione in Chianti sono state prese in collaborazione con le compagnie dei carabinieri di Figline e Scandicci e con le tre polizie municipali.

"Abbiamo deciso di intervenire - spiegano i sindaci dei tre Comuni, Massimiliano Pescini, Paolo Sottani e Alessio Calamandrei - perché si assiste in alcune zone ad un incremento della prostituzione su strada, che provoca un forte disagio nei residenti, nei turisti e nelle nostre aziende. Il provvedimento è finalizzato a tutelare sicurezza, incolumità pubblica e vivibilità della comunità".

I divieti non valgono per chi si prostituisce ma proprio per i 'clienti'. Obiettivo, si spiega, è contrastare chi chiede la prestazione e non chi la eroga: donne e ragazze, sovente minorenni, accomunate da una condizione di evidente costrizione se non di vera e propria riduzione di schiavitù.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Attualità