QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GREVE IN CHIANTI
Oggi 17°25° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
domenica 31 luglio 2016

Cronaca lunedì 25 gennaio 2016 ore 09:37

Preso il ladro delle reliquie

Dopo il furto alla Chiesa di San Marcellino in Monti i Carabinieri di Poggibonsi riescono a ritrovare il colpevole

GAIOLE IN CHIANTI — I Carabinieri di Poggibonsi hanno ritrovato e restituito alla curia di Siena, gli oggetti trafugati alcune settimane fa dalla chiesa di San Marcellino in Monti di Gaiole in Chianti. Dopo il furto avvenuto alcune settimane fa nel piccolo centro di Gaiole, sono state intensificate le attività investigative al fine di poter ritrovare, prima che fossero piazzati sul mercato nero, gli oggetti sacri che, benché non di valore elevatissimo, avevano un valore incommensurabile per i fedeli del posto.

Nell'occasione è stata ricostruita la dinamica del furto, sentiti testimoni e semplici fedeli, le indagini dei Carabinieri si sono orientate su un individuo residente nel Chianti e gravato da precedenti specifici.

Dopo vari servizi di osservazione e pedinamento, la Procura di Siena ha emesso un provvedimento di perquisizione ad hoc finalizzato a recuperare il materiale sacro.

Il blitz dei militari dell’Arma è quindi scattato giovedì scorso, consentendo di rinvenire il materiale sottratto dalla chiesa di San Marcellino in Monti di Gaiole in Chianti e permettendo di recuperare altro materiale sacro al momento oggetto di accertamenti per stabilirne l’origine.

Tra il materiale recuperato vi è un candelabro del Seicento, oggetti in argento ed alcune reliquie.

Molti oggetti erano già stati impacchettati e pronti per essere spediti, mentre altri erano avvolti in materiale da imballo e custoditi nel garage dell’abitazione dell’uomo.

Per L. P. M. classe 1983, è scattata la denuncia per ricettazione e dovrà giustificare come sia venuto in possesso degli oggetti sacri rinvenuti all’interno della sua abitazione. Convocato presso la caserma di Gaiole in Chianti, il parroco ha riconosciuto gli oggetti sottratti dalla chiesa e ne è rientrato in possesso.

Sugli altri oggetti rinvenuti dai Carabinieri, al momento, massima riservatezza in attesa di comprenderne la provenienza. In provincia, infatti, non si registrano denunce di furto di oggetti sacri, motivo per il quale le ricerche dei carabinieri sono state allargate in ambito nazionale.

Il mercato nero degli oggetti sacri è un mercato molto fiorente che vede coinvolti molti facoltosi ma anche semplici credenti, che spesso acquistano “in buona fede” da venditori senza scrupoli oggetti provento di furto.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità