QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GREVE IN CHIANTI
Oggi 16°29° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
sabato 22 settembre 2018

Attualità venerdì 25 maggio 2018 ore 12:28

Molestie a lavoro, Comune aderisce accordo Ue

La Giunta ha aderito all'accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro. Sindaco e assessora: "Non si poteva restare indifferenti"



IMPRUNETA — La Giunta di Impruneta ha aderito all'accordo quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro. L'intesa era stata firmata il 26 aprile 2007 da Ces (Confederazione europea dei sindacati), Business Europe, Ueapme (European Association of Craft, Small and Medium-sized Enterprises) e Ceep (European Centre of Employers and Enterprises providing Public services). 

Questo terzo accordo autonomo negoziato dalle parti sociali europee a livello intersettoriale, che faceva seguito ad una consultazione organizzata dalla Commissione europea a titolo dell'articolo 138 del trattato CE, era stato poi recepito nel 2016, in Italia, da Cgil, Cisl e Uil e dalla Confindustria. 

Non potevamo rimanere indifferenti alla problematica delle molestie e delle violenze nei luoghi di lavoro – dicono il sindaco e l'assessora alle politiche del welfare di Impruneta - . La nostra adesione all'accordo europeo intende dare un chiaro segnale verso il rispetto e la valorizzazione delle pari opportunità nel nostro territorio, un segnale al quale daremo anche un risvolto e uno sviluppo concreti. Un gesto insieme piccolo e grande. Piccolo, certo, perché la nostra Comunità non possiede grandi numeri, ma sicuramente grande, per noi, ma anche perché, in qualsiasi occasione e circostanza, ogni tessera di un mosaico contribuisce all'unità e all'efficacia del tutto. Un modo per dire: noi ci siamo! Un'adesione tra ragione e sentimento per far sì che si parli e si vigili su un problema quanto mai attuale, anche a livello internazionale (la cronaca americana di questi giorni purtroppo ne dà un'ulteriore e non desiderata conferma), nel nome dei diritti e della tutela di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità