comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
GREVE IN CHIANTI
Oggi 13°17° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News chianti, Cronaca, Sport, Notizie Locali chianti
venerdì 29 maggio 2020
corriere tv
Formigoni furioso in tv: «Sulla sanità privata tante storie», non lascia la parola a Majorino e Formigli gli toglie l'audio

Attualità sabato 04 aprile 2020 ore 17:43

Buoni spesa, chi può averli

Emergenza Coronavirus, dall'Unione comunale del Chianti fiorentino hanno chiarito chi può accedere ai buoni spesa e quanto può richiedere



BARBERINO VALDELSA — Il buono spesa è una forma di supporto economico finalizzato all'acquisto di generi di prima necessità

Le famiglie che versano in condizioni di difficoltà a causa dell'emergenza Coronavirus possono accedere a contributi da destinare esclusivamente all’acquisto di generi di prima necessità.

Il contributo è una tantum (viene concesso una sola volta) e verrà erogato in relazione al numero di componenti del nucleo familiare.

Cosa è possibile acquistare
Indichiamo le categorie merceologiche che rientrano nei generi di prima necessità:
• medicinali
• prodotti alimentari
• prodotti per l’igiene personale - ivi compresi pannolini, pannoloni, assorbenti
• prodotti per l’igiene della casa
Sono esclusi gli alcolici.

Attività commerciali aderenti

E’ stato redatto ed è disponibile on line l'elenco degli operatori economici presenti nei Comuni dell’Unione che aderiscono all’iniziativa di sostegno alle famiglie bisognose dove sarà possibile recarsi per l'acquisto. Le attività commerciali sono da indicare nella documentazione del richiedente.
In allegato anche la comunicazione da presentare per essere inseriti nell'elenco, stilato in forma provvisoria. Gli esercizi interessati ad aderire possono presentare la comunicazione allegata.

Chi può usufruirne
Possono accedere al contributo i cittadini residente con le seguenti caratteristiche:
1) i soggetti individuati dai servizi sociali, ovvero cittadini senza reddito comunque valutati dai servizi sociali, con carattere di priorità
2) i cittadini residenti il cui nucleo familiare non possiede più un reddito sufficiente al sostentamento e che posseggono almeno uno dei seguenti requisiti:
• perdita del lavoro in conseguenza dell’emergenza;
• cassa integrazione o similari, disoccupati anche se con NASPI, con altri familiari che hanno avuto una forte riduzione del reddito;
• partite IVA e piccoli imprenditori, professionisti che hanno drasticamente ridotto il volume d’affari;
• lavori intermittenti e stagionali che hanno avuto drastiche riduzioni nelle chiamate;
• caso di malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare legato all'emergenza COVID appena intervenuta che abbia comportato una consistente riduzione del reddito familiare.
Chi ritiene di aver diritto a usufruire del bonus deve presentare la relativa domanda agli Uffici Servizi Sociali e seguire le istruzioni che verranno indicate. Per qualunque informazione, occorre rivolgersi ai recapiti sotto indicati, con le specifiche per ciascun comune.
Le domande dovranno essere compilate digitalmente. Solo in situazioni eccezionali è prevista la compilazione cartacea con il supporto delle associazioni e del personale messo a disposizione dai Comuni.

Chi non può accedere
Sono esclusi dal buono spesa:
● i nuclei in cui almeno uno dei componenti possiede un reddito valutato adeguato per il sostentamento del nucleo;
● i percettori di forme di sostegno pubblico di importo mensile superiore a:
◦ 500 euro/mese per 1-2 persone;
◦ 700 euro/mese per 3-4 persone;

◦ 850 oltre le 5 persone.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità